Mi sono fatto la tele: Saga Guitar Kit

Author: maffedrums / Date: Thu, 04/09/2009 - 05:23 /

Non me ne vogliano quindi tutti “i capaci” che si aggirano in rete per tutte le inesattezze/stranezze che andrò nelle molte righe a descrivere, poiché questa non vuol certo essere una bibbia ma solo la mia esperienza.

Come colpo di scena vi assicuro fin d’ora che la chitarra suona molto più che semplicemente bene e che anche le finiture non sono abominevoli, anche se un’attenta analisi visiva porta a trovare qualche difettuccio, soprattutto di verniciatura...

Fonti

Tutto è iniziato dalla scoperta di un libricino trovato su Amazon dal titolo: “Chitarre: elementi di liuteria” di Michel Cassiani Ingoni e dalla curiosità che mi ha suscitato. Ovviamente l'ho ordinato-divorato-non esageratamente apprezzato (non perché non sia fatto bene ma perché me lo aspettavo diverso); dopo di questo, ormai entrato nel “vortice dell’assemblatore”, ho iniziato la ricerca di nuove informazioni e dei vari pezzi approdando ad una sfilza di siti a me allora sconosciuti quali:

www.suonaresuonare.it
www.boxguitar.com
www.usacustomguitars.com
www.themusicking.co.uk
www.axesrus.com
www.manchesterguitar.co.uk
www.guitarpartsresource.com
www.stewmac.com
www.warmouth.com
www.wilderdavoli.it
www.neesk.com
www.guitargalaxi.com

Solo per citarne alcuni oltre ad i soliti noti: mercatinomusicale ed ebay  ed ovviamente a questo
Anzi colgo l’occasione per ringraziare tutti quelli a cui ho rotto le scatole e che mi hanno aiutato: GRAZIE

Strumenti

Faccio qui una breve lista della “strumentazione” di cui mi sono provvisto prima di intraprendere il lavoro:

1) Kit di assemblaggio Telecaster (TC 10) della Saga­­­­
2) Pick up Fender  Texas Special Custom shop da sostituire a quelli presenti nel kit
3) Straplock Schaller
4) Neck plate Fender
5) Trapano
6) Seghetto alternativo
7) Carta abrasiva dalla grana 120 alla 2000 (almeno 2 fogli per tipo)
8) Taglierino
9) Nastro di carta
10) Nastro di alluminio
11) Pennelli
12) Vaschetta per vernice
13) PAD  per carta abrasiva
14) Diluente antinebbia nitro
15) Vernice trasparente nitro
16) Polish
17) Moscione per trapano
18) Pasta abrasiva superfine
19) Saldatore stagno 30w
20) Stracci vari
21) Turapori
22) Carta trasparente per decal
23) Vernice nitro colorata
24) Morsetti (almeno 2)

Il luogo

Assemblare una chitarra, anche se in kit, non è come costruirsi un modellino di nave-macchina o aereo!

Parentesi brevissima ma doverosa: è molto importante avere la possibilità di svolgere questa bellissima attività in un luogo pulito, senza troppa polvere, magari riscaldato e con la possibilità di esser areato, soprattutto in fase di verniciatura: infatti tutte queste caratteristiche sono a mio avviso indispensabili.

Due cenni sul kit Saga

Ero partito con l’idea di prendere i vari componenti separatamente poi, anche grazie al consiglio di vari conoscenti, ho preferito  iniziare con qualcosa di economico ma sincero (soprattutto per paura degli errori che avrei potuto commettere).

Si trova su internet da 130 euro, con spese di spedizione ai 170: io mi sono affidato al mio negozio di fiducia (per mia comodità e perché mi sopporta) spendendo una cifra intermedia.

Su di esso ne avevo lette di ogni tipo, gente che si era trovata benissimo ed altra che aveva avuto a che fare con problemi di ogni sorta (tipo buchi sbagliati da rifare o inesattezze varie), comunque senza lasciarmi scoraggiare dai feedback negativi ed affidandomi un poco alla fortuna mi sono buttato.

Appena aperta la scatola sono rimasto piacevolmente colpito: tutto è ben ordinato, il pick up al ponte è già avvitato allo stesso, i controlli sono già tutti collegati tra loro con saldature discretamente eseguite, ma soprattutto manico e corpo sono davvero belli.

Il primo, in tiglio, materiale usato soprattutto da Ibanez-Jackson-Squier, è bello sagomato, di un colore ambrato molto chiaro, con tutti i fori già fatti, gli scassi dalle giuste dimensioni e non presenta alcuna botta o segno. 

Inoltre le venature non sono così brutte come avevo letto, quindi a mio parere può fare la sua figura anche con una finitura natural o non troppo coprente.

Il secondo, in acero, è anche lui ben rifinito, con la paletta da sagomare, i fori delle meccaniche ben allineate, una bella tastiera in palissandro, il foro del truss-rod nella parte alta; unica nota negativa è che  la sua conformazione “standard thin” non permette di lavorarlo a seconda delle varie esigenze d’impugnatura.

I pick up a vedersi sembrano abbastanza curati ed inoltre ho sentito dire da chi li ha usati che non suonano così male; tuttavia nel mio caso provvederò a sostituirli con dei Fender Texas Special che solo a guardarli cosi tutti ben cerati sembrano una dolce melodia pure per gli occhi.

Le varie viti sono ben raccolte in sacchetti sigillati e divise a seconda degli utilizzi: ci sono addirittura i tubini di gomma in cui far passare gli accoppiamenti della parte elettrica predisposta con ganci “maschio/femmina” per collegare i 2 pick up ai controlli senza dover saldare, il ponte sembra bello solido con le sue tre sellette vintage; unica nota leggermente negativa sono le meccaniche …. purtroppo per loro non sembrano un granchè (addirittura una è un poco fallata e mi ci è voluto un po di ingegno e due pinze per sistemarne il “cappuccio”)

Nella scatola è presente una piccola brochure con le istruzioni, che a dire il vero non sono molto utili cosi presentate, ma per fortuna comprendono uno schema riassuntivo dei pezzi con specificato il loro utilizzo nel caso a qualcuno vengano dubbi.

Detto ciò, per il prezzo che ho pagato, questo kit si merita un bel 7 1/2, derivato soprattutto dalla fattura dei legni e dall’ ineccepibile ordine con cui tutto è disposto; inoltre il tempo di montaggio della chitarra sarà intorno alle 2 h se non si vuole sagomare la paletta e verniciare lo strumento, mentre eseguendo queste ultime due operazioni i tempi si dilatano infinitamente…..io ci ho messo un mesetto abbondante pur lavorandoci almeno un’ora al giorno.

I primi controlli

Ho iniziato i lavori con una serie di primi controlli sulle parti del kit:

1) I fori della mascherina combaciano
2) I fori del ponte/corpo combaciano
3) I fori delle meccaniche sono precisi e ben allineati
4) Gli scassi dei pick up sono entrambi delle giuste dimensioni
5) L’allineamento ponte-manico è preciso
6) Il manico è diritto

Le uniche cose su cui son dovuto intervenire sono state:

 1) L’accoppiamento manico-corpo che inizialmente non permetteva l’assemblaggio dei due pezzi, poiché il primo era troppo largo nella parte del tacco. Ho sistemato il tutto con poche passate di carta abrasiva a grana 120 e cosi  il manico rimane attaccato al corpo anche senza l’uso delle viti, condizione necessaria per una buona trasmissione delle vibrazioni.

 2) Ho allargato uno dei tre fori che collegano il pick up al ponte perché non erano in asse; questo problema però è dovuto dal fatto che abbia sostituito il suddetto con il già citato Fender Tex.Sp.  In caso si tengano i p.u. di serie invece non c’è problema visto che il ponte è già agganciato al suddetto

La vernìciatura

Una scelta da compiere prima di intraprendere un progetto del genere è sicuramente aver ben chiaro in mente la tipologia e i tempi di verniciatura da voler impiegare.

Io, per la mancanza di strumentazione, ho deciso di fare tutto con i pennelli con cui ho sicuramente un poco di dimestichezza in più rispetto a spray e similari, tuttavia stendere vernici nitro con questi strumenti non è assolutamente facile e porta a tante piccole imperfezioni che nel limite del possibile avevo messo in conto. Devo comunque dire che le proprietà intrinseche delle vernici da me usate mi ha  aiutato parecchio andando a formare strati sottili già molto lucidi e, se ben stesi, piuttosto lisci.

 

 

Per quanto riguarda i tempi di verniciatura questo è un argomento tutt’ora per me irrisolto, poiché ne ho lette di ogni tipo: chi dice di verniciare tutto in tempi strettissimi (1/2 ora) e chi dice di lasciar ogni mano stabilizzarsi per almeno un paio di giorni, chi dice di usare anche 6/7 mani di vernice colorata e 6/7 di lucido e chi 4 in totale…e così via.

Io per non sbagliarmi ho scelto di basarmi sulle mie sensazioni controllando lo stato delle singole mani: in linea di massima ho lasciato riposare ogni mano di vernice colorata sempre per almeno 24 ore e quella lucida per almeno 1 ora.

Il manico

La prima cosa a cui mi sono dedicato è stato sagomare la paletta. Grazie a qualche amico che mi aveva aiutato a trovare i disegni in scala reale della paletta della Tele, mi ero preventivamente occupato di disegnare una mascherina su cartoncino da sovrapporre al legno: ho quindi realizzato i contorni con una matita e dopo aver fissato con due morsetti il manico al tavolo di lavoro ho iniziato il taglio con il seghetto alternativo, strumento perfetto per tale scopo, risultato preciso e veloce.

Ho poi rimosso eventuali piccoli gradini con la carta vetrata 120 ed ho ultimato il tutto con un ulteriore passata a 320.

Successivamente ho schermato la tastiera ed il tacco con strisce di nastro adesivo in modo tale da proteggerlo nel proseguo delle lavorazioni, soprattutto quelle “di pennello”.

Mi sono poi concentrato sulla restante parte del manico, carteggiandolo tutto a grana 320 (3 volte) per rimuovere quel leggero strato lucido datogli dal costruttore, per poi spolverarlo con uno straccio bagnato d’alcool per esser sicuro di rimuovere ogni granello di polvere e prepararlo a ricevere il turapori all’acqua che ho steso con un semplice pennello per 3 volte.

Ogni mano è stata lasciata asciugare per almeno 3 ore e prima di stendere la successiva ho sempre provveduto a carteggiare a grana 400 il tutto per levare quella parte di prodotto ferma in superficie.

Dopo aver ripulito con il solito “straccio alcolico”, ho iniziato a stendere il lucido trasparente con un pennello non troppo grande; ho dato 4 mani che ogni  volta ho lasciato ben asciugare per poi concludere con una bella carteggiata a 1200-1500.

Infine è stata la volta del montaggio delle meccaniche che, come detto in precedenza, non sembravano un granchè. Ed infatti ha richiesto un poco di ingegno: ho dovuto con il trapano allargare tutti i passanti di metallo dopo  averli fissati al fronte del manico perchè non permettevano al cilindro di ruotare ed anche fresare leggermente uno dei cappucci di copertura.

 

 

Per quanto riguarda invece l’allineamento dei fori, come già avevo controllato, tutto bene.

Il turapori

Consiglio vivamente a tutti di stenderlo bene senza eccedere nelle dosi e magari anche di diluirlo con del diluente nitro, questo per rendere un poco più facili le operazioni successive di carteggiatura.

Durante la prima mano che ho dato ho esagerato un poco con le quantità e poi mi ci è voluto tantissimo olio di gomito per levare la parte in eccesso con la carta vetrata.

La decal

Inizialmente mi ero interrogato parecchi giorni sull’usare una decal o no e soprattutto cosa scriverci poi, un bel giorno, mentre navigo in giro, mi appare la foto di una paletta Telecaster con la mitica scritta….e non ho saputo resistere all’idea (forse un poco tamarra e priva di inventiva) di farne una copia.

A questo punto ho salvato l’immagine sul pc e dopo averla ritoccata nei bordi l’ho stampata su un carta adesiva trasparente e devo dire che è venuta abbastanza bene, anche se ho un poco sbagliato le dimensioni per difetto (oltre al fatto che su di un foglio ce ne stanno 20 che poi ho regalato).

Non è proprio perfetta perfetta, in particolare il foglio usato forse è un poco troppo spesso e fa intravedere i bordi una volta incollato, però per essere in assoluto la prima decal  da me creata e non posso che esser abbastanza soddisfatto.

Il corpo

Il body è sicuramente la parte che maggiormente mi preoccupava come lavorazione, ed è quella a cui ho cercato di dedicare la maggior pazienza e cura possibile.

Sono partito isolando con lo scotch di carta la tasca e poi anche qui, come in precedenza per il manico, ho iniziato levando con la carta abrasiva 320 lo strato lucido dato dal costruttore per poi eseguire il trattamento con il turapori (3 mani intervallate da altrettanti passaggi con carta 400) Finito ciò, ho iniziato la verniciatura a pennello con colore nitro: prima il retro, poi il davanti ed infine i fianchi.

Ho diluito bene la vernice con altra nitro antinebbia per facilitare le operazioni di stesura e l’ho lasciata di volta in volta asciugare per almeno 24 ore, per poi carteggiare il tutto a 600 ed eseguire le  seguenti  passate per un totale di 3 volte ripetendo sempre la carteggiatura.

Avendo utilizzato il pennello mi sono avvalso di un piccolo accorgimento che consisteva nel dare le varie mani in senso contrario alle precedenti (dal manico al ponte-dal ponte al manico-dal manico al ponte).

Dopo aver fatto riposare il colore per un paio di giorni sono passato al lucido trasparente di cui ho steso 4 mani che poi son state ben carteggiate a grana sempre più fine (dalla 1200 alla 2000)

La lucidatura

Preciso subito che dopo aver ben carteggiato le superfici interessate sono riuscito ad ottenere un buon effetto lucido che, per gusto personale, non ho cercato di spingere all’eccesso. Tuttavia, per fare le cose bene fino in fondo, ho passato con uno straccio (va bene una vecchia t-shirt) della pasta abrasiva superfine da carrozziere e poi ho rifinito il tutto stendendo con dell’ovatta (va bene anche i cotone idrofilo di buona qualità) il polish che ho levato dopo averlo lasciato lavorare un paio di minuti con il moscione da trapano.

N.B. : consiglio sulla pasta abrasiva: fate piccoli pezzi per volta e puliteli bene strofinando se no lascia aloni biancastri o peggio piccoli puntini che poi non si levano.

Elettronica ed affini

Prima cosa: schermiamo con del bello scotch di alluminio le parti del retro mascherina nelle vicinanze dei P.U. e soprattutto i 3 vani (p.u. manico – p.u. ponte – controlli); il suddetto nastro adesivo va steso con cura perché ha ottime capacità di aderire alle superfici ed è quindi difficile da modificare nella posizione una volta attaccatosi.

Passando ai pick up: dopo aver modificato uno dei fori del ponte ho dovuto allargare, con una piccola mola da trapano, anche l’alloggiamento per quello al manico presente nella mascherina; tale problema però nasce dal fatto che ho sostituito gli originali (che tali problemi non presentavano) con i p.u. Fender.

Il control plate si presenta già tutto completo ed i vari cavetti evidenziano degli agganci “maschio/femmina” che evitano di fare eventuali saldature tra loro ed i fili dei pick up (…del kit) come da foto.

Ed eccoci alla problematica maggiore riscontrata: io di circuiti elettrici non ci capisco un fico secco e per me è stata più dura che con sega/trapano/pennello! Naturalmente la confusione me l’ha creata lo stra-citato cambio di P.U: se avessi utilizzato quelli del kit non ci sarebbe stato problema visto che i colori dei fili da collegare insieme sono gli stessi.

Ho dovuto dissaldare tutti i collegamenti al control plate e con calma, rifacendomi allo schemino presente nella scatola Fender risaldare il tutto….La prima volta non suonava nulla….guarda che ti riguarda….la seconda funzionavano 2 posizioni su 3…..allora chiamo un amico che ha un tester perché mi sono rotto e magia…..lo switch è rotto…ne compro uno Fender e tutto parte!

Considerazioni finali

All’inizio avevo tanti timori derivanti dalle mie incompetenze nel settore, tuttavia devo dire che se si è consci del fatto che è un lavoro che richiede tanta pazienza,dedizione e che prevede “da manuale” l’utilizzo di qualche parolaccia , è un’esperienza veramente godevole che mi ha riempito bene un mesetto di vita.

Per quel che riguarda i risultati: esteticamente vista da distanze > ai 20 cm sembra veramente perfetta, ovvio che se si scruta il tutto da molto vicino le imperfezioni ci sono.

La vera goduria è il suono! Corpo e manico vibrano che è un piacere supportati dal sottile strato di nitro che sicuramente aiuta parecchio a non ingabbiare le varie frequenze ed i Texas Special che mi hanno fatto tanto penare mi ripagano con un buon twang.

 

 

In soldoni: ho speso intorno ai 340 eur (170 per il kit + 100 per i P.U.+ 15 per placca e straplock + 45 per strumenti e colori)  e ora, oltre al divertimento di cui ho già beneficiato, ho in mano uno strumento che è a mio avviso (ma l’ho anche fatta provare ad un paio di chitarristi di spessore miei amici che confermano il giudizio) ben superiore a livello sonoro ad ogni Squier ed a qualche Tele Fender standard originale.

Matteo

 

Comments

LockeThu, 04/09/2009 - 10:28 April 09, 2009

Anch'io ho una tele Saga.

Non so se hai avuto occasione di leggere i miei articoli a riguardo (penso di si perchè io ero quello dei buchi sbagliati, ma solo per la mascherina) o di vederti i miei test su Youtube.

Io però ho tutto di serie tranne le meccaniche per le quali avevo trovato giudizi negativi unanimi sulla rete e il capotasto.

La prima cosa che salta all'occhio però è che il tuo body è costituito da almeno 6 pezzi diversi collegati tra di loro e neanche in asse con la chitarra mentre il mio è in tre pezzi, seppur non bellissimi, incollati in asse con chitarra.

Ovvio che anch'io ho pensato a cambiare i pick-up, non sono molto convinto del rapporto qualità prezzo dei Fender, ero più verso il buon vecchio Seymour che mi ha sempre soddisfatto. Quelli di serie sono abbastanza schifosi ma neanche troppo. Inoltre se, come dice Lauro, pick-up belli fanno risaltare la qualità della chitarra allora si rischia.

Ho reso un pochino più piatta la tastiera nel rettificarla, ma anch'io ho avuto sempre giudizi positivi da chi l'ha provata.

Dulcis in fundo: bel lavoro, bravo!

Saluti

********

"Guardati da coloro che prima ti danno consiglio, poi parlano male di te...stronzo!"

maffedrumsThu, 04/09/2009 - 10:34 April 09, 2009

Si si che ho letto della tua tele saga...è stato uno dei primi articoli che ho trovato in rete. Ne avrò letti 20 prima di partire.....

Per i pick up ho scelto i fender per sicurezza e perchè penso di averli comperati ad un buon prezzo....poi i gusti sono gusti...c'è sicuramente di meglio ma anche di peggio....quelli del kit cmq li ho tenuti magari li monto sulla chitarra di "guitar hero"

LockeThu, 04/09/2009 - 10:46 April 09, 2009

Eccerto, ricontrollavo se eri tu: i disegni della paletta te li ho mandati io!

In effetti il prezzo non mi sembrava male.

Ti diffido dal nominare nuovamente Guitar Hero, pena la fiammatura (ossidrica) della Telecaster.

'Azz l'ho nominato io...

Adesso ci vuole proprio una bella prova comparativa però: sei per caso in Lombardia?

Saluti

********

"Guardati da coloro che prima ti danno consiglio, poi parlano male di te...stronzo!"

maffedrumsThu, 04/09/2009 - 10:50 April 09, 2009

eh si lo so che me li hai mandati tu...infatti eri tra quelli compresi nei ringraziamenti!

io sono di modena, emilia romagna, credo quindi che per la comparativa sia meglio usare you tube...e la mani di un chitarrasti migliore di me (che sono principalmente un ritmico/batterista e bassista) appena riesco carico i sample.

 

LockeThu, 04/09/2009 - 11:01 April 09, 2009

Sono venuto settimana scorsa a Modena, se ricapito mi faccio vivo.

Saluti

********

"Guardati da coloro che prima ti danno consiglio, poi parlano male di te...stronzo!"

Pula-MaieuticaSun, 04/12/2009 - 12:36 April 12, 2009

 Pure io ho una tele-Saga! Sulle meccaniche non so se sono stato miracolato io o cosa, ma mi tengono davvero bene. Ho tenuto i PU di serie, il ponte invece lo avrei sostituito perché le viti che regolano l'altezza delle sellette tendono a svitarsi, specialmente se suono appoggiandovi il palmo della mano sopra. Avevo preso anche delle sellette in ottone per sostituirle ma ho scoperto che la piastra non è standard e le sellette non ne escono allineate correttamente. Purtroppo quell'attacco a 4 viti della piastra del ponte mi scoraggia a turare i fori e riforare il body nelle loro vicinanze.

Invece di verniciare il body la rifinii al decoupage. Era un discreto tre pezzi, sono stato tentato a farla natural.

LockeWed, 04/15/2009 - 14:12 April 15, 2009

Certo, ricordo, avevamo parlato delle sellette.

Hai provato con una goccina di smalto da unghie? Sviti quasi completamente le vitine, poi netti la goccina (o anche meno con la punta di un cacciavite) e poi posizioni la selletta. Dopo un'ora è fissa, farai leggermente più fatica a spostarla, ma comunque non rimane bloccata del tutto.

Saluti

********

"Guardati da coloro che prima ti danno consiglio, poi parlano male di te...stronzo!"

g.marrasThu, 04/09/2009 - 11:05 April 09, 2009

Mi piace pure il colore che hai scelto... peccato i riflessi di flash sulle foto.

Anch'io sono stato sul punto di acquistare un kit (è più di tre anni che cerco di costruire una tele  tra vari ripensamenti ed al momento mi manca il body, ma forse cambierò prima il manico...).

Questi kit SAGA hanno però le seguenti cose che non mi hanno mai convinto:

1)  top load bridge (senza lo string thru body non la sento davvero Tele e penso che non riuscirei ad intervenire per renderla tale in maniera soddisfacente)

2) la smussatura del retro del body tipo Strato...

Concordo anche sulla scelta del set di pickup.

Bravo.

maffedrumsThu, 04/09/2009 - 11:18 April 09, 2009

grazie!

per quel che riguarda il top load bridge se guardi tra i link elencati trovi sicuramente i siti dove comprare un body fatto come vuoi tu (a memoria wilderdavoli li ha sicuro), ammetto cha all'inizio lo cercavo anch io cosi poi vedendo che non è presente su tutti i modelli tele me lo son fatto anda bene cosi...poi sai del resto è un kit economico...che si difende bene se paragonato a chitarre economiche.

per quanto riguarda il farlo da te secondo il mio parere se hai la strumentzaione ce la puoi fare....

EDDAI BUTTATI !

 

Bald EagleThu, 04/09/2009 - 15:16 April 09, 2009

Perfino io che ne capisco meno di te, sono riuscito ad assemblarmi una tele.

E' divertente (io l'ho addirittura relicata), ci ho aggiunto i pezzi e i pick up che volevo, è istruttivo, è liberatorio (martellare un body è davvero forte).

Insomma lo rifarei. Se non fosse che a farsi troppe sAghe si diventa ciechi. :-)

Complimenti per il lavoro. Adesso vogliamo sentirla.

Enrico. Bald Eagle.

bluesloverSun, 04/12/2009 - 17:17 April 12, 2009

Bello bello bello! Mi piacciono troppo ste cose, appena ho un pò di tempo e di soldi lo faccio pure io.

Volevo farvi notare che c'è un link sbagliato, nel link al sito della Wilder c'è scritto wilder,it.

Ciao

maffedrumsWed, 04/22/2009 - 08:09 April 22, 2009

QUALCUNO MI HA SCRITTO PER AVERE ALTRE INFO...PURTROPPO HO CANCELLATO ACCIDENTALMENTE LA MAIL PRIMA DI RISPONDERE, NEL CASO LEGGA QUESTO POST MI RISCRIVA PURE...EVITERò ALTRI INCIDENTI.!

littlegiopFri, 05/15/2009 - 21:21 May 15, 2009

Ciao!!

Leggo solo ora il tuo appello :(

Quello della mail perduta sono io.....

A questo punto volevo chiederti in che percentuale hai diluito il trasparente nitro e la vernice nitro colorata per stenderla con il pennello (considerando che per stenderla con la pistola di solito viene diluita un 30,40%).

Grazie per la risposta e complimenti per il tuo articolo.....mi è stato veramente utilissimo!!!

Francesco.

maffedrumsWed, 06/24/2009 - 08:46 June 24, 2009

CIAO FRANCESCCO SOLO ORA LEGGO LA RITCHIESTA  SORRY.

LA VERNICE NITRO COLORATA L'HO PROVATA SU DI UN AVANZO DI LEGNO DELLA PALETTA DILUITA AL 50% MA NON MI CONVINCEVA ED ALLORA HO DECISO, VISTO CHE AVEVO CHIESTO AL COLORIFICIO CHE L'AVEVA PREPARATA DI UNTILIZZARE GIà IN PARTENZA ABBASTANZA NITRO, DI USARLA "NUDA E CRUDA" SENZA ALTRO DILUENTE. DA STENDERE NON è POI COSI IMPOSSIBILE, E IO NN SONO CERTO UN BUON "PITTORE", CERTO è UN POCO "DURA" DA TIRARE MA SE METTI SUL PENNELLO IL QUANTITaTIVO CHE TI SERVE PER FARE ALMENO " 2 STRISCE " SU TUTTA LA LUNGHEZZA DEL CORPO CE LA FAI TRANQUILLAMENTE...OVVIO CHE DEVI LAVORARLA IN FRETTA E SENZA FERMARTI PERCHè DOPO  30 SECONDI SCATTA IL MACELLO.

SE HAI BISOGNO DI ALTRO SCRIVIMI PURE SULLA MAIL CHE TROVI NEL PROFILO E SCUSAMI TANTISSIMO PER IL RITARDO. 

saulguitarWed, 07/22/2009 - 04:36 July 22, 2009

Ciao! complimenti per la tele! è proprio bella!

Volevo chiederti se sai dove potrei reperire le istruzioni del kit di montaggio.

Io ho appena preso il kit LP ma non c'erano all'interno ho scritto alla saga ma niente!

COnosci percaso un link dove posso scaricarle o se per caso hai digitalizzato le tue, potresti mandarmele?

In particolare mi interessano quelle sul montaggio degli humbacker, potenziomentri, volume e jack.

GRazie mille!

Saul

ps.se ti interessa a questo link puoi vedere gli ampli che mi sn costruito

http://saulsavarino.weebly.com/savarinoguzzetti-amplificatoritaliani.html

ciao e grazie ancora

saul

maffedrumsMon, 07/27/2009 - 09:58 July 27, 2009

INTANTO GRAZIE!

Purtroppo nelle "istruzioni" contenute nel mio kit ci sono solo spiegati sommariamente i passaggi per l'assemblaggio e l'identificazione dei vari pezzi....nulla a che vedere con i collegamenti elettronici.

Io poi cambiando i P.U. non me ne sono preoccupato visto che ho scaricato il wiring diagrams per i fender...l'unico consiglio che posso darti e di cercare su YOUTUBE che ci sono un sacco di video sull'assembalggio di LP SAGA.

il dottoreFri, 04/02/2010 - 14:27 April 02, 2010

 

Ciao a tutti  !!

Sono nuovo del sito,nella vita faccio il medico,suono praticamente da sempre per hobby sia da solo che in band rock classico (u2,hendrix,beatles ),country folk (simon and garfunkel,shawn colvin,sheryl crow) e dark/new wave (cure,bauhaus,siouxsie and the banshees,joy division,baustelle,bluvertigo ) e già da un po' mi frulla in testa di costruirmi una tele..e la lettura del tuo articolo mi ha spinto ancora di più..allora vado al dunque..ho le dita piuttosto magre e piccole e quindi mi trovo meglio con i manici sottili ed ergonomici della ibanez che con quelli troppo larghi tipo large headstock anni '60 di certe fender o simili -odio il manico della squier,troppo spesso per i miei gusti..ma è stato 1 regalo della morosa e quindi.. :D .. e quindi volevo sapere come fosse il manico della tele saga kit..com'è ?

Le ibanez conj cui mi trovo da dio hanno il manico uniformemente spesso solo 2 cm,incluso anche la testiera di palissandro..la tele del kit ce l'ha più spesso ? quant'è di preciso ?' e il suono dei pickup del kit secondo te è uguale,migliore o peggiore di quello della maggior parte delle tele squier ?

L'alternativa sarebbe prendere una tele fender,non squier..ma devo vedere come mi trovo col manico.. :)

Ciao e grazie per il tempo che mi hai dedicato !!! e lunga vita al rock'n roll !!

maffedrumsFri, 04/02/2010 - 14:51 April 02, 2010

CIAO. ALLORA il manico della tele saga in kit è parecchio sottile (diciamo come uno standart thin fender) e te lo dice uno che ha le mani picoole e le dita corte...inoltre essendo da spianare con la carta vetrata se sei capace puoi anche provare a modellaro un poco secondo le tue esigenze , senza ovviamente esagerare troppo!

se hai bisogno di altro chiedi pure

il dottoreFri, 04/02/2010 - 15:04 April 02, 2010

ok,perfetto !! proprio quello che speravo di sentire..allora mi sa proprio che mi compro pure io il kit..- ;) ..tra l'altro,mi rilassano i lavori manuali tipo bricolage  fai-da-te..e i pickup del kit invece,come sono ? decenti ? sembrano + o-  quelli della tele base ? considendo che cmq il body del kit è di tiglio e non di mogano o acero..

Ciao e grazie !!

maffedrumsFri, 04/02/2010 - 15:55 April 02, 2010

purtroppo i pick up del kit nn li ho nemmeno provati...avevo preso i fender texas special che ero sicuro fossero una bomba e nn ho perso tempo a far prove....direi che su youtube tu possa però trovare qlk videodi qualche persona che la prova con i pick up originali...al max posso dirti che a vedersi sembrano un poco dei giocattolini...oh magari pi suonano decentemente!

 

il dottoreFri, 04/02/2010 - 16:30 April 02, 2010

Bella idea,guardo su youtube e mi rendo così conto..al limite li monto appena comprati e se fanno pietà li rivendo subito su ebay o tramite questo sito  e me ne compro di "seri"...i tuoi texas special hanno il classico suono country-blues e suonano spettacolari,giusto ?

Così nel caso facciano c....e vado sul sicuro comprando pure io i texas special.. !! :D :)

Ciao e grazie 1000..

Francesco

maffedrumsFri, 04/02/2010 - 16:47 April 02, 2010

i texas special hanno quello che per me è il classico twang fender...almeno per come lo sento io! quelli del kit dubito tu possa trovare qlcuno a cui venderli....cioè penso che possano avere un prezzo di 30eur la coppia....ihihih...meglio tenerli per una qlke frankenstein o prove varie...cmq se li provi fammi sapere come suonano perchè magari son meglio di quello che immagino !

ciao e buone feste.

 

il dottoreFri, 04/02/2010 - 16:54 April 02, 2010

Il classico twang è proprio il suono che voglio da una tele..allora mi sa che andrò quasi direttamente sui texas special,provando quelli del kit giusto per sfizio..e semmai me li monto su 1 vecchia chitarra simil-strato  semi-sfasciata che son lì li per rottamare dopo averle segato il body per metterci i pu del kit della tele   .. :D

cmq li proverò di sicuro prima di cestinarli e ti farò sapere !!

Ciao e grazie,buone feste pure a te e a tutta la combriccola di laster-guitar !!! :D

 

BillbaxTue, 10/19/2010 - 23:22 October 19, 2010

Ciao,

         io ho acquistato una strato in kit e il manico e' molto sottile che io preferisco pur avendo le dita lunghe, anche se poi l'ho sostituito con uno in acero; pero' avendo visto i legni e le finiture sia dei legni che dell'altro materiale ho preferito acquistare una parts planet che e' fatta molto meglio e segue gli standard europei di sicurezza sul lavoro e trattamento della manod'opera e uso di materiali non nocivi, stesso prezzo ma maggiore qualita'.

Il corpo come per la tele e' in tiglio ma non e' poi tanto male e avendo acquistato e costruito pure una les paul della stessa marca posso dirti che chi l'ha provata comparandola ad una les paul standard non ha notato differenze apprezzabili.

E' ovvio che non potranno mai essere paragonate a strumenti di alta liuteria ma possono soddisfare.

Spero di esser stato utile

Ciao

Ettore

maffedrumsWed, 10/20/2010 - 08:16 October 20, 2010

caspita, mitico....hai costruito pure una les paul in kit !!!! mi dai qualche altra info (tipo dove trovare il kit e qnt'altro e magari anche qualche consiglio) perchè vorrei cimentarmi anche io quest'anno!

grazie in anticipo!

il dottoreFri, 04/02/2010 - 15:09 April 02, 2010

P.s. tutte le mie ibanez hanno il body di tiglio e questo conferisce loro 1 suono caldo,vagamante simil-jazzy e 1 marea di sustaine e feedback,almeno è quanto ho notato confrontandole con altre chitarre di altri miei amici chitarristi.. :D

è 1 tipo di suono che mi intriga molto.. :)

ferroTue, 10/19/2010 - 17:39 October 19, 2010

Ciao mi chiamo andrea e come te sono un chitarrista...vorrei solo sapere come hai fatto a ordinarla...per poi ordinare

BillbaxTue, 10/19/2010 - 23:29 October 19, 2010

Ciao,

         prova qui: http://www.musicgallery.it/default.asp

Ciao

Ettore

maffedrumsWed, 10/20/2010 - 08:11 October 20, 2010

guarda se lo cerchi su internet lo trovi su ebay,mercatino e un sacco di altri siti...io me lo sono fatto ordianre dal mio negoziante di fiducia quia modena che lo ha richiesto direttamente all'importatore italiano....cosi poi mi son fatto fare un conto unico tra kit-pick ups-ecc ecc....

maffedrumsWed, 10/20/2010 - 08:09 October 20, 2010

il kit su internet lo trovi su di un sacco di siti, io mi sono rivolto al mio negoziante di modena di fiducia che me lo ha ordinato presso l'importatore italiano....